Author Archive: Giosué Rossi

Author Archives for Giosué Rossi

Pago e “salvo” la patente!

Eccesso di velocità rilevato con autovelox o tutor

Correva l’anno 2003 quando il legislatore, accortosi di una falla nel sistema della “patente a punti”, decideva di modificare l’art. 126bis del Codice della Strada prevedendo la decurtazione dei punti della patente al proprietario del veicolo a prescindere da chi fosse concretamente alla guida.

In pratica se si riceveva una multa per eccesso di velocità, rilevato da un autovelox a postazione così detta fissa (senza la presenza degli agenti), o si comunicava entro 30 giorni i dati di chi era alla guida oppure, a prescindere da chi avesse commesso la violazione, i punti della patente venivano “levati” al proprietario del mezzo (moto, auto, ecc). Ma non finisce qui. Se, infatti, il proprietario non comunicava i dati del conducente (anche i suoi se era lui alla guida) era stata prevista un’ulteriore sanzione da € 343,35 a € 1.376,55.

La [...]

Limiti di velocità e sanzioni

Ecco cosa dobbiamo ricordare

Quando passano diversi anni dall’esame teorico per l’abilitazione alla guida iniziamo a dimenticarci la maggior parte delle nozioni che avevamo studiato. Così accade che non ci si ricordi più quali siano le sanzioni previste dal codice per chi supera i limiti di velocità. Rivediamole assieme (tenendo presente che per i neopatentati, come per i conducenti di alcuni veicoli -es. corriere, TIR, ecc.- le “multe” sono più severe) .

SANZIONI PER ECCESSO DI VELOCITA’ (artt. 142 e 126bis del CdS)

-> da 10,1 o 40 Km/h oltre il limite di velocità

SANZIONE PECUNIARIA da 169 € a 680 €

SANZIONE ACCESSORIA  – 3 punti patente

SANZIONE PER NUOVA VIOLAZIONE NEI 2 ANNI nessuna

 

-> da 40,1 a 60 Km/h oltre il limite di velocità

SANZIONE PECUNIARIA da 532 € a 2.127 €

SANZIONE ACCESSORIA  – 6 punti patente e sospensione della patente da 1 a diciotto 3 mesi

SANZIONE PER NUOVA VIOLAZIONE NEI 2 ANNI [...]

Sicurezza Stradale ad Ovaro

Guida Sicura Prime Curve

Anche quest’anno si ripete l’iniziativa fortemente voluta dall’istruttore di Guida Sicura Elio De Caneva, organizzata dall’Associazione Turistica “Pro Ovaro” con il sostegno dell’amministrazione del Comune di Ovaro e degli Istruttori della “Guida Sicura Prime Curve”. L’iniziativa, dedicata ai giovani e ai neopatentati, prevede due eventi: -la lezione teorica, tenuta presso il centro socio-culturale di Ovaro, nella serata odierna; -la lezione pratica che si terrà domani mattina presso la pista di guida sicura di Tolmezzo.

I lavori sono stati aperti dal sindaco di Ovaro, Mara Beorchia, che ha lodato l’iniziativa, fortemente voluta da De Caneva, evidenziando come, lo scorso anno, al corso aveva partecipato anche il proprio figlio, che è stato molto soddisfatto dell’iniziativa. In seconda battuta ha preso la parola De Caneva ringraziando sia l’amministrazione sia gli istruttori che hanno dato la loro disponibilità [...]

Uno sportivo, un istruttore, un pilota ed un navigatore. Luca è un Istruttore di Guida Operativa Sicura quasi a tempo pieno e per questo un suo intervento non può di certo mancare nella nostra sezione. Gli argomenti che potrebbe trattare sono diversi ed eterogenei quindi, per non rendergli la vita facile, a Luca volevo chiedere un intervento in materia di sistemi di sicurezza attiva. Vediamo che consigli ci da!


Un amico, un pilota, un istruttore e un mago (mi spiego subito)! Correva l’anno 2009 e lo scrivente da almeno 8 anni non saliva su un mezzo con meno di quattro ruote (nemmeno su una bicicletta). Così a Barry venne la brillante idea di prestarmi la sua moto e di farmi fare un corso di guida… risultato? Il pomeriggio ero in pista col ginocchio per terra! Ecco perché lo si può definire un mago. A uno con l’esperienza di Fabrizio si può chiedere davvero di tutto, la risposta sarà di certo esaustiva ed esauriente, e quindi perché non chiedergli qualche consiglio in materia di protezione passiva, per le due ruote ovviamente! Vediamo che consigli ci da!


La sicurezza sulle strade non si raggiunge aumentando, solo, la sicurezza delle strade e quella dei veicoli. Dobbiamo sempre pensare che alla guida c’è un essere umano, con le sue debolezze ed i suoi limiti. Il personaggio che andiamo ad introdurre si occupa, proprio, di quello che è il primo problema della sicurezza stradale: -l’uomo. Angelo ha fondato nel 2000 il programma di CorticalFitness, percorso di benessere per massimizzare le prestazioni, basato sull’attività motoria consapevole. Nel 2006 ha iniziato a proporre iBITE, il dispositivo interdentale da lui stesso appositamente messo a punto per l’aumento di sicurezza e prestazioni dei piloti, e da diversi anni collabora con piloti di auto e moto. La sfida intrapresa da Angelo è quella di istruire l’uomo nella sua dimensione neuro-muscolare, tramite specifici esercizi che consentono al pilota di avere una maggior conoscenza del proprio corpo. Ad Angelo voglio chiedere, innanzi tutto, su cosa si basa il suo lavoro e, in seconda battuta, di darci qualche consiglio per migliorare le nostre “prestazioni-capacità” [...]

Uno sportivo, un istruttore, un pilota ed un navigatore. Luca è un Istruttore di Guida Operativa Sicura quasi a tempo pieno e per questo un suo intervento non può di certo mancare nella nostra sezione. Gli argomenti che potrebbe trattare sono diversi ed eterogenei quindi, per non rendergli la vita facile, a Luca volevo chiedere un intervento in materia di sistemi di sicurezza. Vediamo che consigli ci da!


Un istruttore, un pilota e un DJ. Paolo è sempre in prima linea quando si parla di sicurezza e un suo intervento non può di certo mancare nella nostra sezione. Gli argomenti che potrebbe trattare, come per molti altri, sono troppo vasti per poter essere riassunti in una sola intervista e quindi, conoscendo la Sua sfrenata passione per le “posteriori” (Sierra Cosworth in primis), a Paolo volevo chiedere un intervento in materia di traiettorie e di comportamento, che il conducente deve tenere, in caso di sovrasterzo. Vediamo che consigli ci da!

Un “personaggio” qualificato. Damiano non è un pilota e nemmeno un istruttore di guida ma è, di certo, un motociclista; un appassionato delle due ruote, non della velocità, non della pista ma della sensazione di libertà che la moto offre. Il dott. Dereani, però, non è solo un appassionato di motori ma è uno specialista di psicologia forense e una delle materie che tratta, con maggior interesse, sono i postumi derivanti dai sinistri stradali. Viste le sue qualifiche, però e considerata la rilevanza dell’argomento, a Damiano mi piacerebbe chiedere cosa si intende per “sindrome del nido” in materia di sicurezza stradale, e che consigli ci da per evitare che detta “sindrome” provochi dei danni irreparabili. Vediamo che consigli ci da!

Back to top